Non è forse tempo di cambiare l'industria del giocattolo?

Mia, il fotografo naturalista, è una bambola in missione! Quando non è impegnata ad osservare qualche creatura fantastica attraverso la sua lente d'ingrandimento, è pronta a sostenere un nuovo, radicale cambio. Sin dal suo debutto, Mia ha dimostrato qualcosa di cui noi di Lottie Dolls iniziavamo a sospettare già da un po', e cioè che è tempo di cambiamenti. è tempo di rompere gli schemi! 

Al giorno d'oggi, l'ideale dell'integrazione sta diventando una delle più importanti questioni quotidiane. Parole come integrazione e diversità  fanno parte del nostro dialogo, del nostro dibattito quotidiano. Noi di Arklu, azienda creatrice delle Bambole Lottie, ci rendiamo conto di tutto ciò ed è per questo che ampliamo sempre più i nostri orizzonti verso l'integrazione sin dal 2012, anno di lancio delle nostre bambole. D'altronde, il diverso rimane tale solo se non lo si scopre, o meglio, se non lo si vuole scoprire

.

 "Un modo di combattere gli stereotipi negativi e I cattivi comportamenti è quello di rendere le differenze accettabili, dei veri propri luoghi comuni che non ci fanno paura". Stephanie Finnegan, DOLLS Magazine.

La filosofia di base di Lottie Dolls rimane sempre la stessa - rappresentare al meglio I bambini di nove anni, uno spunto originale per un mercato che, nel 2012, risultava fin troppo pieno di bambole eccessivamente truccate, sessualizzate e in carriera. L'idea di Arklu era, invece, molto semplice e chiara: una bambola alla portata di tutti, con hobby da bambini, creata proprio per preservare I preziosi anni dell'infanzia.

 

Durante il nostro secondo anno di attività, abbiamo lanciato la Bambola Robot e Il Vaso di Pandora, ed entrambe le bambole indossavano gli occhiali. Ad oggi, il 25% delle bambole Lottie si presentano con degli occhiali, e questa è una questione che potrebbe facilmente essere trascurato dal cliente medio ma che, così come tante altre cose, non passa assolutamente inosservata agli occhi dei bambini, soprattutto per coloro i quali portano gli occhiali. Entrambe le bambole riescono a influenzare positivamente i più piccoli, spingendoli ad acquisire sicurezza verso qualcosa che viene in genere connotata negativamente.

Mia figlia era così triste quando, alla tenera età  di quattro anni, ha iniziato a portare gli occhiali. Nessuna delle sue amiche li aveva. Un giorno, però, le hanno regalato Il Vaso di Pandora Lottie e improvvisamente è cambiato tutto. Era davvero felice! Per lei conta tantissimo che la sua bambolina indossi degli occhiali rosa. Riesce a ritrovarsi nel suo stesso giocattolo. Becky O'Haire, Blogger della pagina The Cuddle Fairy

 

Il volatore d'aquiloni Finn, nuovo amico di Lottie, Kite Flyer Finn, partner chee si rivolge sia a RAGAZZI che a RAGAZZE, è stato lanciato nel 2014, e anche in quel caso si è trattato di un'uscita dagli schemi. Il successivo rilascio nello stesso anno del Set da gioco "La pesca", disegnato da Cadence, intendeva far capire alle ragazze che possono svolgere le stesse attività  all'aria aperta dei loro compagni maschietti e, naturalmente, dei loro due grandi eroi: Lottie e Finn. 

 

Nel 2015 non prevedeva bambole per Lottie, prima che la bambola Astronomo viaggiasse accanto all'astronauta inglese Tim Peak, trascorrendo così 264 giorni a bordo dell'International Space Station. Per quanto possa sembrare solo un piccolo passo avanti, in realtà, è¨ stato fatto un vero e proprio passo da gigante per i sogni e le aspirazioni dei bambini di tutto il mondo. 

 

Ad oggi, al quinto anniversario di attività , abbiamo lanciato un'intera gamma di nuovi personaggi, fra cui un nuovo bambolotto, "Il Piccolo Reporter Sammi". Il nostro range quindi comprende sei personaggi ben definiti: Lottie, Finn, Mia, Sammi, Sofia e Emily. Sono personaggi versatili, dal momento che ognuno di loro può presentarsi con diversi tipi di capelli, occhi e colori della pelle.

 

Nel 2017, su consulto di "Toy Like Me", un'organizzazione inglese non-profit che ha come obiettivo una migliore rappresentazione dei giocattoli - noi di Arklu abbiamo deciso di fare un ulteriore passo avanti per proseguire con la nostra idea di integrazione nell'universo del giocattolo. Così, la bambola Mia, "fotografo della natura" è stata ideata e aggiunta alla nostra gramma di prodotti, e si presenta come la prima bambola con impianto cocleare. Ciò che vogliamo evidenziare per i nostri fan è che la chiave di volta non sta nel fatto che Mia indossi un impianto cocleare, bensì nella stessa storia del personaggio.

Negli anni 80, durante la mia infanzia, non ho mai visto personaggi sordi fra i giocattoli, nei libri o in tv. Quando sono diventata mamma, decisi che era ora che le cose cambiassero. Desideravo fortemente che l'intera industria dei giocattoli facesse qualcosa affinché si potessero rappresentare al meglio i 150 milioni di bambini al mondo con disabilità. - Rebecca Atkinson, fondatore di Toy Like Me

Chi ha creato le bambole si è rifatto alle scoperte dello psicologo Dr. Sian Jomes di Goldsmiths, Università  di Londra, per cui il gioco con bambole che appaiono diverse si traduce nella comprensione del mondo che ci circonda, permettendone così la scoperta. Lo psicologo ha intervistato centinaia di bambini e il consenso generale ha rivelato che una bambola come Mia - con un visibile impianto cocleare - porta I bambini a una maggiore consapevolezza, comprensione e tolleranza.

- Estratto dall'intervista a Stephanie Finnegan, DOLLS Magazine

D'ora in avanti, il nostro impegno sarà quello di creare bambole, accessori e set da gioco direttamene disegnati o ispirati ai bambini, che di questi articoli ne hanno fatto il loro gioco. Attraverso il nostro contest mensile Ispirati dai Bambini Veri, possiamo finalmente incentrare tutta la nostra attività  sull'infanzia. Lottie è davvero Ispirata da Bambini Veri.

 

 

 

Crediamo fermamente che Lottie sia un leader in termini di integrazione e rappresentazione, e speriamo che sempre più attività decidano di seguire la nostra ricerca che porterà a dare potere a TUTTI i bambini!

 


Share this post



0 comments

Leave a comment

Please note: comments must be approved before they are published


← Older Post Newer Post →