Times: Bambole che insegnano ai bambini a concentrarsi sulle proprie personalità e non sulla disabilità

Ringraziamo Catherine Sanz per il suo meraviglioso articolo su "Mia, il fotografo della natura" pubblicato sul Times il 16 novembre 2017.

"La primissima cosa da notare su Mia è il fatto che sia alta 18cm. In secondo luogo, la sua fotocamera e il suo outfit da safari super chic. Infine, possiamo apprezzare anche il suo apparecchio acustico."

Il riscontro incredibilmente positivo che abbiamo ricevuto a proposito di Mia sta nel fatto che, nonostante l'impianto cocleare, esso non sia altro che una piccola parte del tutto, nessuna chiave di volta. Infatti, nella confezione non viene menzionato l'impianto, bensì solo ed esclusivamente la fotografia, il suo hobby preferito.

Ian Harkin, nostro AD, ha sottolineato che Mia si distingue e risalta per ben altre ragioni: "Mia ha diversi interessi e una forte personalità  che non è definita dal suo essere 'diversa' afferma. "Dal punto di vista di un bambino, una bambola diversamente abile permette di sviluppare empatia e fare dell'infanzia un luogo sempre più aperto a tutti. Tutti i bambini, infatti, dovrebbero sentire quel sentimento di appartenenza, per cui niente è impossibile."

 

 

Mia è stata creata in collaborazione con Toy Like Me, associazione fondata da Rebecca Atkinson, il cui scopo è quello di incrementare la rappresentazione dei bambini nell'industria del giocattolo. Rebecca è un'importante attivista nel campo della disabilità dei bambini. è stata anche giornalista per la BBC e la stessa indossa un impianto cocleare, simile a quello di Mia. Il suo intento è quello di far sì che le cose cambino: "Durante la mia infanzia, negli anni '80, non ho mai visto personaggi non udenti fra i giocattoli, nei libri e/o in TV. Quando sono diventata mamma, ho capito che le cose andavano cambiate," afferma.

 

Mia, il fotografo della natura, è la novità delle nostre Bambole Lottie. Lavoriamo alla realizzazione di una gamma di personaggi sin dall'uscita del primo capitolo del loro libro in collaborazione con la Penguin Random House. Dei sei personaggi, due sono maschietti - Finn & Sammi - con buone e diverse possibilità  di rappresentazione: sono disponibili, infatti, vari tipi di capelli, occhi e colori della pelle.

 

In quanto startup, in attività da soli cinque anni, facciamo il nostro meglio per poter fare la differenza nell'industria del giocattolo. "Da un punto di vista economico sarebbe impossibile creare delle bambole a immagine e somiglianza di tutti, ma faremo il possibile per introdurre la diversità  in questo mercato" afferma Harkin.

 

"Molte nostre bambole sono state ideate allo scopo di stimolare l'interesse verso le discipline STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) in sempre pù¹ bambine, dimostrando così che sono perfettamente in grado di diventare piloti, astronauti, scienziati e ricercatori," sostiene Harkin.

 

Clicca qui per sapere di più sul nostro impegno per cui tutte le bambole, d'ora in poi, verranno direttamente ideate e ispirate dai bambini. Ti piacerebbe contribuire a ideare la prossima Bambola Lottie? Scopri subito il nostro contest mensile Ispirati da bambini veri per seguire le orme di altri piccoli amici designer come te che ci hanno dato, e continuano a darci, una preziosa mano!

  

 


Share this post



0 comments

Leave a comment

Please note: comments must be approved before they are published


← Older Post Newer Post →